• Home
  • Blog
  • Cosa fare per l’addio al Celibato/Nubilato

Cosa fare per l’addio al Celibato/Nubilato

Cosa fare per l'addio al Celibato/Nubilato Salernosposa

L’addio al celibato è un rituale irrinunciabile per qualunque sposo. Da qualche anno però anche le spose vogliono farne parte, organizzandone uno tutto loro. Qui elenchiamo 5 idee originali per un addio al celibato/nubilato indimenticabile.

1) Il gioco per stimolare il lavoro di squadra

Per rendere l’addio al celibato memorabile, si può decidere di fare affidamento sulle esperienze di gruppo, che cementano i legami e animano la giornata. Ne sono un esempio le cene con delitto, i laser game, il soft-air e le escape room, un gioco in cui i partecipanti vengono chiusi in una stanza. Per uscirne, dovranno risolvere una serie di indovinelli; lo scopo è dunque quello di liberarsi, facendo affidamento solo sui propri sforzi.

2) Divertimento e svago

Se è vero che il matrimonio indica la svolta verso la vita adulta, non c’è niente di meglio che ricordare i tempi andati con un bel revival. Sale giochi, tiro a segno, giochi di società possono essere un modo spiritoso di trascorrere il proprio addio al celibato/nubilato. Specialmente se si costringe il festeggiato a indossare un costume. Ma si può decidere di spendere il pomeriggio anche in una piazza affollata, con game app coinvolgenti ed interattive o esibendosi in un flashmob, per poi dedicarsi a un torneo multidisciplinare con console.

3) Forever young

Ricordate ‘Dire, Fare, Baciare, Lettera e Testamento’? Si può applicare anche all’addio al celibato/nubilato. Per rendere il tutto più divertente, si può organizzare un tour della città in stile caccia al tesoro, e coinvolgere nel gioco anche sconosciuti e passanti. Il percorso dovrà essere lastricato di test che faranno leva sulle remore o caratteristiche dei malcapitati.

4) Un’esperienza sportiva

Per i futuri sposi più temerari ci sono sport estremi come rafting e bungee-jumping. Ma mentre il primo può essere goduto in compagnia, l’emozione del secondo può essere condivisa solo al rientro. Per renderla goliardica, si può decidere di aggiungere all’attività una penitenza. Come aprire uno striscione proprio mentre si è in caduta, gonfiare un palloncino da lanciare in aria, lasciar cadere una barchetta sul fiume o lago utilizzato come setting. Se la stagione lo consente, lo sfortunato potrebbe anche calarsi dalla fune in braghe di tela… La serata si può far concludere con una notte in campeggio, da corredare con cena fai da te e storie di paura.
Le donne potrebbero apprezzare invece una giornata in mezzo alla natura, da spendere tra una gita in barca a vela, un’escursione a cavallo o un tuffo tra testuggini e delfini. La golosità è presto soddisfatta con massaggi rilassanti, nail art e trattamenti super-chic in spa.

5) Il viaggio come percorso e sfida

Un’alternativa è data dal viaggio. Tra una puntatina al casinò, un tatuaggio di buon auspicio e una suggestiva corsa sulla slitta, l’imperativo è spaziare dal godimento all’avventura. Se sarà il calore dell’amicizia a fare la differenza, energia e zaino in spalla serviranno a provare tutte le ambientazioni, dall’attraversamento del deserto in quad ad un ritiro eco-culturale tra sciamani e aborigeni. Il fine giornata andrà sigillato da una cena, in un posto unico ed esclusivo.

In ogni caso sarebbe simpatico dotarsi di gadget appositamente personalizzati per la sera della festa. Basta organizzarsi con almeno un paio di settimane di anticipo, rivolgendosi alle aziende del settore.

Trackback dal tuo sito.